Luoghi veri

Uno dei miei più grandi imbarazzi quando stavo iniziando a scrivere era questo: ero costrettə ad ambientare le mie storie in provincia, perché era l’unico luogo che conoscevo.

Per un po’ ho provato ad ambientarle altrove, in una città come Milano o Barcellona, facendo tutte le ricerche. A un certo punto ho smesso di ambientarle, lasciando sospeso lo spazio in una familiarità generica e indefinita.

Forse perché li ho visti sempre con un senso di inferiorità, con la sensazione di non comprenderli completamente e di non essere davvero legittimatə a raccontarli; forse perché i luoghi sono sempre stati prima di tutto spazi da cui ero escluso, e poi fenomeni materiali e pieni di significati. Fatto sta che a un certo punto, quando mi è sembrato di averne conosciuti abbastanza, raccontare i luoghi è diventato molto interessante. Non c’è niente di diverso se non l’interesse genuino che mi suscitano. Al punto che qualche volta vorrei non avere nemmeno unɜ protagonista da metterci dentro.

Condividilo con tutt3:
Iscriviti
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Tutti i commenti
0
Fammi sapere cosa ne pensi...x
Skip to content